FESTIVAL LETTERALTURA

2012

VERBANIA 28 giugno – 1 luglio
VALLE ANTIGORIO (Baceno e Crodo) 7-8 LUGLIO
LAGO D’ORTA (Ameno e Miasino) 14-15 LUGLIO
MACUGNAGA 20-21-22 LUGLIO
Da Luis Sepulveda a Margherita Hack, da Paolo Rumiz a Pino Cacucci, da Marco Paolini
a Krzysztof Zanussi grandi personaggi si incontrano sul Lago Maggiore e nelle valli
ossolane per parlare di letteratura di montagna, viaggio e avventura.
Una sesta edizione alla quale non mancare, quella di Lago Maggiore LetterAltura 2012: più di 50 eventi, tra
incontri con gli autori, spettacoli, laboratori creativi, e oltre 60 ospiti nazionali e internazionali per riportare
l’attenzione sulla montagna priorità globale dell’umanità, unica fonte d’acqua che possa garantire un futuro
florido alle nuove generazioni.
La formula del festival resta invariata: dagli incontri del mattino allo spettacolo della tarda sera il pubblico
potrà incontrare gli autori, partecipare ai dibattiti, conoscere, riflettere e insieme divertirsi.
I PERCORSI TEMATICI
Alpinismo, (R)Esistenze, La Capra, Il Formaggio di capra, Montagne d’Europa: questi i
percorsi tematici che, seguendo il fil rouge della montagna, del viaggio e dell’avventura, hanno
guidato l’ideazione di alcuni fra gli appuntamenti di LetterAltura 2012.
ALPINISMO
Mai come negli ultimi anni l’alpinismo è stato al centro di così tante polemiche a causa dei
numerosi sacrifici in termini di vite umane. La montagna, se affrontata con leggerezza e
superficialità non perdona! Ma nulla può paragonarsi al senso di infinito e di libertà che si prova in
cima a una vetta, dopo ore o giorni di fatica, al limite della sopportazione, dopo aver sottoposto il
proprio fisico e la propria mente a prove estreme, con il desiderio di spingersi oltre i propri limiti e
di sentirsi anche solo per un istante invincibili e forse un po’ più vicini all’assoluto. L’alpinismo
fonde l’amore per la montagna e la natura con la preparazione tecnica, il sacrificio con la piena
consapevolezza di sé. È uno dei pochi sport in cui l’uomo è solo, in balia degli eventi e degli agenti
atmosferici, aiutato da pochi attrezzi: corda, moschettone, piccozza, scarponi.
A parlarne insieme a noi: l’alpinista delle Dolomiti Ermanno Salvaterra, noto come l’uomo
Patagonia in dialogo con il giornalista Roberto Mantovani, l’alpinista Maurizio Giordani che ci
illustrerà la Marmolada, il professore universitario e medico Luigi Festi che con Valerio Zani,
Vice Presidente del Corpo Nazionale Soccorso Alpino, ci parlerà di sicurezza in montagna.
A Macugnaga, Omaggio a Walter Bonatti: il grande alpinista sarà ricordato, attraverso filmati e
ricordi di famiglia, da Roberto Mantovani e Luigi Zanzi.
(R)ESISTENZE
(R)esistere, con la “R” tra parentesi, significa tante cose, non tutte facili da descrivere. Certi grandi
temi, che hanno in sé un portato storico, ma anche sociologico ben presente e vivo, eccedono
l’orizzonte limitato di qualsiasi spiegazione. (R)esistenza è, per esempio, quella della piccolo paese
di montagna che non vuole accettare passivamente le regole delle stagioni e si inventa uno
stratagemma per “conquistare” il sole. (R)esistenza è la vita difficile di chi non si arrende mai, ma
combatte ogni giorno con coraggio e orgoglio, per ricordare a sé e agli altri i propri cari scomparsi
in nome della libertà. (R)esistenza è sempre e soprattutto un atto d’amore. Lago Maggiore
LetterAltura ripropone, fuor da consunte retoriche, quelle forme di esistenza nelle quali la laboriosa
tenacia e l’impegno strenuo sono resistenza in atto. Vivere in montagna in certe condizioni è già di
per sé una resistenza.
A parlarne insieme a noi: lo scrittore Cristiano Cavina, in dialogo con il giornalista radiofonico
Marco Casa, ci parlerà dei minatori dell’Appennino, lo scrittore senegale Pap Khouma, in dialogo
con il giornalista Oreste Pivetta, ci parlerà della sua condizione di nero e cittadino italiano,
Marco Revelli, ricorderà il padre partigiano Nuto Revelli e il suo compagno di tante battaglie
Giorgio Bocca.
A Crodo lo scrittore ossolano Benito Mazzi, ricorderà la partigiana Neta, mamma di Giuliana
Sgrena, parlandone con la figlia giornalista.
A Macugnaga il regista di San Michele all’Adige Michele Trentini presenterà il film Piccola terra:
l’esperimento riuscito di dare nuova vita a un paesaggio terrazzato che era in stato di abbandono.
IL FORMAGGIO DI CAPRA
La storia del formaggio ha origini antichissime. La leggenda vuole che un pastore avesse messo del
latte in uno stomaco di pecora e questo fosse stato trasformato in formaggio. L’origine del
formaggio si intreccia con le abitudini dell’uomo primitivo, che si pose di fronte alla necessità di
poter utilizzare, il più a lungo possibile, le capacità nutritive del latte degli animali allevati. Secondo
Omero, già Zeus fu nutrito con il latte e i sublimi formaggi della capra Amaltèa, il cui corno
simboleggiava la cornucopia dell’abbondanza. E questo alimento, apparentemente semplice e
frugale, ma gustoso e prezioso, ha nutrito per secoli pastori, viaggiatori e intere popolazioni,
assurgendo oggi, nell’immaginario comune, a rappresentante principe della montagna, come
espressione e cultura delle sue genti.
A LetterAltura si parlerà di tome e tomini con i produttori dell’Associazione CRAVA del Verbano
Cusio Ossola, di Robiola Dop di Roccaverano con Gian Domenico Negro, di robiole in foglia di
verza e di castagno con Eros Buratti de La Casera di Verbania, di tronchetto di capra di Rancio in
Valcuvia con Paolo Satta.
MONTAGNE D’EUROPA
Per il terzo anno consecutivo LetterAltura propone un percorso tematico dedicato alle montagne
d’Europa che hanno fatto la storia culturale, politica e sociale non solo europea: vette e passi
importanti dal punto di vista storico e alpinistico e dal punto di vista interculturale, montagne che
hanno collegato, e collegano, popolazioni di lingue e culture diverse. Quest’anno i protagonisti
saranno i Tatra e la Marmolada.
Gli eventi del percorso MONTAGNE D’EUROPA sono realizzati in collaborazione con la
Rappresentanza a Milano della Commissione Europea.
Con noi: l’alpinista Maurizio Giordani e il regista polacco Krzysztof Zanussi in dialogo con il
giornalista e critico cinematografico Ranieri Polese.
VIAGGI
Tanti gli appuntamenti del 2012 dedicati al viaggio, nelle sue forme più svariate.
Apertura del festival con i racconti dello scrittore-viaggiatore triestino Paolo Rumiz in dialogo con
Daniela Fornaciarini.
L’astrofisica Margherita Hack, con il giornalista sportivo Claudio Gregori, svelerà la sua vita in
bicicletta, lo scrittore inglese Christian Wolmar, in dialogo con il giornalista Carlo Fèola, ci
parlerà di come la ferrovia ha cambiato il mondo, Eddy Cattaneo, in dialogo con la giornalista
Lara Gusatto, racconterà il suo giro del mondo “ecologico”, senza mai prendere aerei, lo scrittore
Pino Cacucci ci parlerà dell’America Latina e della “sua” Puerto Escondido con il giornalista Luca
Crovi, la guida escursionistica ambientale Renato Bavagnoli, con il giornalista web Luca
Lorenzini, racconterà la sua Via Alpina, tre mesi da solo sull’arco alpino, da Trieste a Montecarlo.
Luis Sepulveda chiuderà il festival a Verbania parlando della Patagonia e dei popoli del Sud del
mondo.
STORIA E CULTURA ALPINA
L’antropologo Giovanni Kezich del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina mostrerà i
filmati del progetto Carnival King of Europe dedicato alle mascherate alpine.
Marco Albino Ferrari presenterà le Alpi segrete, i luoghi e i paesi meno noti al grande pubblico
ma ugualmente affascinanti e ricchi di tradizioni.
Roberto Einaudi, della Fondazione Einaudi di Roma, racconterà con filmati e cimeli di famiglia, la
storia della dinastia piemontese degli Einaudi.
Il maggiore della Taurinense Mario Renna, insieme allo storico Gianni Oliva, racconterà le
avventure dei “nuovi” alpini, garanti di pace in Afghanistan.
A Macugnaga il vincitore del Premio Campiello Andrea Molesini parlerà, insieme a Alberto
Sinigaglia, di Piave e Prima Guerra Mondiale.
SPETTACOLI
Due grandi spettacoli a Verbania, realizzati con la collaborazione di TE.CU:
Venerdì 29 giugno Palco a pedali – il primo eco-concerto italiano interamente dedicato alla
bicicletta. Sul palco il gruppo romano Têtes de Bois, in platea 100 ciclisti volontari scelti nel
pubblico pedaleranno, in qualche caso alternandosi o sostituendosi al volo in modo che non si
possa mai perdere ritmo ed energia, per tutta la durata dello spettacolo sulle proprie biciclette,
agganciate a uno speciale cavalletto collegato a una dinamo in modo da far derivare l’energia
elettrica necessaria al funzionamento dello spettacolo direttamente dalla forza dei pedali.
Sabato 30 giugno Dedicato a Jack London – spettacolo teatrale di e con Marco Paolini al cui
centro vi sono un uomo, un cane e il grande Nord.
IN RICORDO DI MARIO SOLDATI
Un intero fine settimana, quello di Ameno e Miasino dedicato a Mario Soldati, che in questi luoghi
trascorse la giovinezza e scrisse le prime opere.
Sabato 14 luglio visione del film Alla ricerca di Mario Soldati con gli autori Paolo Aleotti e Maria
Paola Quaglia.
Domenica 15 luglio escursione letteraria, toccando Vacciago e Corconio, sulle orme dell’autore, con
soste e letture tratte dalle opere di Soldati. A seguire incontro con Laura Pariani che ci parlerà di
Soldati e il Lago d’Orta e con Volfango e Anna Soldati che ricorderanno il padre.
SPAZIO AI BIMBI!
LetterAltura è un festival che vuole coinvolgere proprio tutti. Quindi un’attenzione particolare è
stata dedicata anche quest’anno ai bambini, che potranno divertirsi, oltre che con letture e incontri
specifici, anche grazie a particolari iniziative pensate per loro.
Inoltre quest’anno LetterAltura anticipa gli appuntamenti per i più piccoli con un
prologo sabato 23 e domenica 24 giugno partecipando all’iniziativa Bosco fatato di
Cossogno (VB).
SABATO 23 E DOMENICA 24 GIUGNO
Lupus in fabula
Laboratorio di lettura a cura di Dario Apicella
Sono davvero tanti i racconti dedicati a questi “favolosi” animali. Lungo il cammino della lettura se
ne possono incontrare di tutti i tipi e per tutti i gusti: famelici e cattivi, dolci e gentili, solitari,
affamati, emarginati, insegnati, ballerini, detective, mannari. Letture ad alta voce, narrazione,
costruzione della maschera da lupo.
Giochiamo con i libri, tra pupazzi, musica e gessetti
Letture animate e laboratorio a cura di Matteo Gubellini
Un illustratore, una chitarra e tante storie da leggere e raccontare. Canzoni, teatrini, colori e
burattini. E dopo le letture, laboratorio con la tecnica dei gessetti.
DURANTE IL FESTIVAL
LABORATORI, INCONTRI E LETTURE
In collaborazione con la Biblioteca Civica Pietro Ceretti di Verbania
Laboratorio creativo:
Venerdì 29 giugno Francesca Amat e La capra canta!
Seduti sulla panca, creazioni di capre mai viste, in omaggio all’animale simbolo dell’edizione 2012.
Con la tecnica del collage si potranno creare capre talmente belle e originali che poi intoneranno
dei canti, e noi canteremo con loro!
Incontri con gli autori
Per bambini di tutte le età
I bambini incontrano l’autore “dal vivo”.
Dalle storie fantastiche alla realtà, gli autori sono persone in carne e ossa, con tante cose da
raccontare, di sé e dei propri personaggi.
Quest’anno a LetterAltura i bambini potranno incontrare: la scrittrice toscana Rossana Dedola e
l’illustratrice siciliana Lucia Scuderi.
ATTIVITÀ IN MOVIMENTO – Durante i fine settimana nelle valli
Fine settimana di Baceno e Crodo
Sabato 7 luglio
Voglio essere come Tarzan: la fune tra gli alberi
A cura delle Guide Alpine Valle Ossola
Arrampicarsi, correre, saltare, restare appesi a un ramo, questo e molto altro per provare, almeno
una volta nella vita, l’emozione di essere come Tarzan.
Acqua da giocare
Giochi, letture e laboratori creativi sul tema dell’acqua (indispensabile il costume da bagno!)
Domenica 8 luglio
Orride fiabe
Passeggiata alla scoperta degli orridi di Uriezzo con lettura e animazione di favole a cura di Maria
Giuliana Saletta, scrittrice per bambini.
Fine settimana di Ameno e Miasino
Sabato 14 luglio
Il bosco in valigia
Spettacolo di burattini a cura del Teatro dei Fauni
C’era una volta una donna che viveva nel bosco, mangiava i suoi frutti e riposava alla sua ombra.
D’estate faceva la doccia alla cascata. D’inverno si rifugiava in una grotta. E per illuminarsi in
quell’oscurità si raccontava delle storie.
Un giorno si affacciò all’apertura del suo rifugio e si accorse che il bosco era andato via. Mise in
fretta le sue storie in una valigia e partì alla ricerca del bosco.
PATAGONIA. LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA
In collaborazione con eni tre documentari, presentati per la prima volta in versione restaurata.
Campo Base Perro Negro – Umberto Giubilo (1960)
Un nuovo meridiano in Argentina – Fulvio Michaelis (1966)
Chilometri 1696 – Valentino Orsini (1967)
Sala Monastero, Hotel Il Chiostro, Verbania
Dal 29 giugno al 1 luglio
Proiezioni no-stop
MEDIA PARTNER
Il sostegno dei media è uno degli elementi fondamentali che permettono a LetterAltura di
trasformarsi da festa della letteratura e della montagna pensata dal territorio per il territorio ad
appuntamento culturale dalla valenza internazionale. Un evento che porta oltre il confine
regionale e nazionale i temi della montagna e le caratteristiche di un paesaggio che ha ispirato
romanzieri, saggisti, musicisti.
Quest’anno saranno con noi:
Meridiani Montagne
Discoveryalps.it
RSI – Radiotelevisione svizzera, Rete Due
Radio 24