CINEMA SOTTO LE STELLE – IL DIRITTO ALLA FELICITÀ

Cinema sotto le stelle

Il Cinecircolo Socioculturale Don Bosco di Verbania, con il contributo della Fondazione Comunitaria del VCO, in collaborazione con la Biblioteca Civica della Città di Verbania, Cross Festival, Lago Maggiore LetterAltura, Museo del Paesaggio, Tones of the Stones e Verbania Musica presenta

TORNIAMO AL CINEMA E AL TEATRO SOTTO LE STELLE

Lunedì 9 agosto, ore 21.30 – Verbania, Parco di Villa Maioni

Il diritto alla felicità

Regia di Claudio Rossi Massimi
Con Remo Girone, Didie Lorenz Tchumbu e Moni Ovadia
Italia, 2021; colori; durata: 90 minuti

Libero (Remo Girone), proprietario di una piccola libreria di provincia, è un appassionato venditore di libri usati ed Essien (Didie Lorenz Tschumbu) è un ragazzino immigrato e che vive in Italia da qualche anno, ben integrato e amante della lettura. L’amicizia tra i due passa attraverso i libri che Libero presta o regala ad Essien e la complicità tra loro cresce parallelamente alle emozioni che ciascuno di questi romanzi può regalare.
Alla libreria passano personaggi diversi, dal Professor Saputo al collezionista dei libri della Medusa (Moni Ovadia). Ma l’attenzione è centrata sul rapporto sempre più profondo tra il vecchio libraio e il ragazzino immigrato: Essien impara a conoscere l’occidente attraverso la sua letteratura, mentre Libero porta a compimento il significato del suo nome, cercando di fare di Essien un uomo libero. La vita, con i suoi comandamenti, porrà un finale malinconico ma nulla è perduto dove c’è complicità e affetto.
Il diritto alla felicità è la storia di un’amicizia tra generazioni, nazionalità ed esperienze di vita diverse. Il film affronta con delicatezza temi sociali di grande attualità: il valore della lettura, l’integrazione sociale e culturale, la crescita, l’amore e la salute.
“Ho sempre creduto che l’amore e la cultura siano le strade più dirette per conquistare la felicità” ha affermato il regista Claudio Rossi Massimi. “L’amore, soprattutto quello per il prossimo, ci libera da ogni egoismo e pregiudizio mentre la cultura, coltivata e accre-sciuta attraverso i libri, ci rende più liberi e protetti dagli strali dell’avversa fortuna.”
“Girare un film in piena seconda ondata Covid è stato un atto di coraggio” ha detto la produttrice Lucia Macale. “Mi piacerebbe che questo film regalasse agli spettatori il co-raggio della speranza. Il diritto alla felicità non è mai stato più attuale.”
Il film è dedicato all’UNICEF, a cui saranno devoluti una parte di tutti i proventi.

Ingresso: 5 euro (ridotto per gli associati: 4 euro)

È il film scelto dalla Biblioteca Civica “Pietro Ceretti” della Città di Verbania